Quattrocchi a Parigi ♡

Buongiorno quattrocchi! Come promesso eccomi qui, a raccontarvi in breve i due giorni che ho trascorso nella meravigliosa Parigi! Amo davvero questa città, ogni volta che torno mi innamoro di nuovo dei suoi colori, dei tetti, del cibo e dell’aria che si respira. Anche se solo per 48 ore, ho davvero assaporato la sua magia e sono tornata a Roma rigenerata, piena di nuove idee ed ispirazione. Capita anche a voi di sentirvi così dopo un breve viaggio? Purtroppo non ho fatto molte foto ma ho fatto qualche ripresa. No, non sto pensando di diventare una vlogger perché A) spesso parlo canticchiando (vedi intro del video), proprio non riesco a controllarmi (quindi dovreste sorbirvi dei musical, più che dei vlog) B) ho degli evidenti problemi a tenere in equilibrio la videocamera (vedi intro del video) 😀 Detto ciò, ci tenevo comunque a raccogliere qualche immagine del nostro breve viaggio per condividerla con voi ♡ Dal momento che abbiamo già visitato Parigi diverse volte, questo weekend abbiamo deciso di dedicarci a cibo, shopping, curiosità e passeggiate.

La parte migliore (torri di pain au chocolat a parte, s’intende)? La mostra dei disegni dello Studio Ghibli. Devo dirvi la verità: più che il viaggio vero e proprio non vedevo l’ora di osservare da vicino questi disegni! Qui vi raccontavo i miei personaggi preferiti dello Studio Ghibli, potete immaginare l’entusiasmo nel vedere gli schizzi preparatori e tutti gli storyboard originali dei film dal vivo. Una MERAVIGLIA. Purtroppo la visita al museo è durata più del previsto, un’ora e mezza di coda (all’aperto), ebbene sì! Ma ne valeva davvero la pena, anche solo per la sala interamente dedicata agli storyboard di Spirited Away. Quattro enormi pareti completamente ricoperte dai disegni, per ripercorrere dall’inizio alla fine l’intero film. Per me è stata una grande emozione, lo è sempre quando vedo il lavoro che c’è dietro ad una produzione straordinaria come questa, perché prima del prodotto finito c’è una dimensione di carta, livelli di matita sovrapposti, segni di linee cancellate e tanto duro lavoro.

chihiro_c1163b

E a proposito di personaggi, ho davvero fatto scorta di nuovi characters! Mi conoscete bene, adoro tutte le cose con occhietti tondi e forme carine. Quindi ecco alcuni dei miei acquisti in tema! I primi sono i famosi tsum tsum, pupazzini Disney morbidi e ‘compatti’. Non so se in Italia siano già arrivati, ad ogni modo speravo tanto di trovarli al Disney Store di Champs Elysées. Arrivano dal Giappone e da qualche mese spopolano sul web 🙂 Adoro il modo in cui sono riusciti a trasformare tutti i characters Disney adattandoli ad una stessa forma!

DSC04550

Domenica invece abbiamo passeggiato nel quartiere giapponese, vicino ad Opera, e abbiamo mangiato una ciotola di ramen al volo. Tornando indietro ci siamo fermati al supermercato coreano (lui è nato a Yokohama e mi ha fatto scoprire cose da mangiare che CIAO) e anche se il mio consigliere ha cercato di fermarmi, non ho resistito e ho comprato 3 cose decisamente inutili ma dal packaging super carino! Su biscotti a forma di panda e patatine non garantisco, devo ancora assaggiarli, ma il condimento per il riso lo adoro (è a base di sesamo bianco, alghe, limone e altri ingredienti che non ho ancora tradotto :D).

DSC04543

La tisana l’ho acquistata da Kusmi Tea. Il commesso ci ha offerto una tazzina di tè verde aromatizzato all’arancia (buonissimo!) ma alla fine ho optato per questa tisana caffeine free aromatizzata con mele, lavanda e aroma naturale di rosa. Mi è piaciuta moltissimo anche la confezione (sì, sono sempre stata la vittima numero 1 dei packaging carini!), gli uccellini stilizzati sono bellissimi.

Infine, e qui non c’è bisogno di commenti…PUGS.

pugs

Questi due giorni sono volati velocissimi e lunedì mattina (sveglia alle 4.40) siamo tornati a Roma con il bagaglio a mano pieno di croissant (e sì, avevamo anche del formaggio). Abbiamo camminato senza sosta, ma ci siamo anche riposati. Abbiamo mangiato cose buonissime, ascoltato musica per le vie della città, ci siamo persi (più di una volta) e poi siamo tornati a casa. Perdersi e poi tornare a casa, questa è la parte che preferisco. Un weekend bellissimo, che mi ha ricordato quanto sia vitale scoprire nuove cose, anche dove credi di aver già visto tutto.

DSC04534