Girlboss – quando il tuo capo sei tu

Vi ho già parlato del libro Girlboss in una delle mie newsletter (a proposito, siete iscritti? Recuperate qui).

L’ho letteralmente divorato. Ho sottolineato, piegato, etichettato, catalogato ogni spunto o consiglio che ho ritenuto utile per il mio business. I libri li distruggo, questo l’ho proprio disintegrato. Il libro non racchiude la verità assoluta sul senso della vita o la verità assoluta sul senso dell’Inps, ma qualcosa di buono c’è davvero.

Sophia Amoruso, founder di NastyGal, racconta la sua storia senza fronzoli o perbenismi. Mette in piazza i suoi punti deboli, la sua esperienza e soprattutto i suoi errori, cosa che in pochi hanno il coraggio di fare. Eppure, molti business di successo hanno in comune proprio questo: all’inizio sono stati fallibili, imperfetti. Gli errori si trasformano in esperienza e l’esperienza fa crescere una realtà imprenditoriale, piccola o grande che sia.

Dopo il libro è uscita la serie, che trovate su Netflix, ho divorato pure quella. Non mi è piaciuta per niente, ma l’ho guardata comunque perché quando comincio qualcosa devo per forza portarla a termine.

Questa è una delle caratteristiche che a mio avviso definiscono una Girlboss. Portare a termine le cose, se crediamo che anche in minima parte ne valga la pena. La serie non aggiunge nulla al libro, lo riassume (e romanza) in modo abbastanza spiccio. Però vedere questa serie mi ha fatto bene: per la prima volta ho visto sullo schermo una storia simile alla mia, alla vostra. Bello Iron Fist, noi però vogliamo la realtà, ogni tanto. Sophia è l’anti-eroina per eccellenza, eppure è molto più vicina a noi, per questo non possiamo ignorarla.

Forse non riusciamo ad amarla perché è partita da dove siamo partite noi, ma è arrivata a destinazione in tempi record. Questo caso di studio, comunque, mi è servito per raccogliere alcune idee e restituirvele qui.

Oggi, a cinque anni dall’inizio della mia attività, sono pronta a dirvi la verità. Anche io mi sento una Girlboss. Anzi, lo sono, non voglio più vergognarmene.

Qual è, per me, la definizione di Girlboss? Perché ve la scrivo qui, sul mio blog?

Ultimamente ho rivalutato molto il mio lavoro, ho riscritto la mia biografia e mi sono fatta fare una nuova foto. Sto ancora lavorando dietro le quinte, ma l’insicurezza iniziale piano piano comincia a sparire.

All’inizio, quando spiegavo alle persone il mio lavoro, le reazioni erano scoraggianti.

Non ero abbastanza chiara, non ero abbastanza decisa, avevo un tono di voce troppo basso, la stretta di mano da ‘signorina’. Sminuivo il mio progetto, la sua efficacia e mi svendevo per paura di non essere compresa.

Quando nominavo, nei miei discorsi, la parola ‘business’ affiancata ad ‘illustrazione’, ‘character design’ e compagnia bella, sul viso dei miei interlocutori comparivano sarcastici sorrisetti. Quando parlavo di ‘regime dei minimi’ il sorrisetto si trasformava in una smorfia di dolore. Quando spiegavo che lavoravo da casa mi rispondevano tutti ‘ah e quindi pigiama tutto il giorno!’.

Il problema non era ciò che dicevo, ma come lo dicevo. Ci credevo davvero, dovevo solo imparare a dimostrarlo. 

Oggi la mia stretta di mano è cambiata, il tono di voce anche. Perché mi sono resa conto che qui sto facendo qualcosa di serio, di importante. Sto davvero facendo business, non mi strozzerò pronunciando questa parola ad alta voce.

Una donna può fare business. Può farlo con un computer, con un uncinetto, con un kit per lo scrapbooking, con una torta fatta in casa. Questo già si sa, inutile proporvi una lista di donne con i contro-gomitoli che hanno fatto la storia dell’imprenditoria al femminile.

Ora vi dico cosa significa per me essere una Girlboss, e perché non mi vergogno più a definirmi tale.

Stai facendo business se:

  • Una mattina ti sei svegliata e hai deciso di risolvere un problema, di aiutare le persone mettendo a disposizione le tue competenze.
  • All’inizio, probabilmente, lo hai fatto anche per cifre ridicole, magari gratis. Quando ti chiamavano ‘stupida’, non ti sentivi stupida. Testa bassa e avanti tutta. Quella ‘stupidità’ si è trasformata in esperienza e capacità nel gestire tempo, crisi, clienti. Da qualche parte la gavetta l’avresti fatta comunque.
  • Hai capito che quelle competenze che hai acquisito nel corso del tempo hanno un prezzo, ora non hai più paura di dirlo al mondo.
  • Lavori per gli altri ma nelle pause (doccia, pranzo, cena) fai brainstorming su te stessa. Continui a cambiare, migliorarti, crescere. 
  • Hai imparato a pronunciare, senza paura, le seguenti parole: business plan, Inps, competitor, commercialista, F24, task e (tenetevi forte)…SOLLECITO.
  • Per i primi anni di attività il tuo studio è una scrivania, il letto, il tavolo della cucina, la vasca da bagno, il bar sotto casa…e va benissimo così.
  • Non hai paura di chiedere aiuto alla tua rete, di far sentire la tua voce, di sbilanciarti e di schierarti quando necessario.
  • In generale, hai imparato a fare domande. Molte, scomode, irriverenti, stupide.
  • Non hai paura dei feedback. Li prendi tutti, li incornici, ricominci.
  • In generale, hai proprio fame di feedback. Diretti, spietati, SINCERI. Vuoi la verità.
  • Non ti vergogni delle tue lacrime, quando qualcosa va storto ti concedi di piangere. Poi riparti più determinata di prima.
  • Impari dai tuoi errori. Li ringrazi.
  • Impari dagli altri, senza copiarli.
  • Ami senza riserve tutto ciò che riguarda il tuo lavoro. Anche le cose più difficili, anche i conti, anche i clienti che spariscono, anche la mazzata di tasse a fine anno. Ami tutto, perché stai costruendo qualcosa di tuo e per crescere ha bisogno di amore.
  • Alla fine della giornata, con i capelli per aria e la schiena distrutta, ti senti una rockstar.
  • Perché comunque vada, anche nelle giornate più difficili, stai vivendo il tuo sogno.

Quando un sogno è grande, vai a prendertelo comunque, anche a piccoli passi.