Casellina 24.

Ah, signora! Quella che lei crede una gobba è l’astuccio delle mie ali.

– Giacomo Leopardi

Il blog, come sempre, rimane in silenzio e torna a parlare quando ho davvero qualcosa da dirvi. Cari quattrocchi, il 2017 è quasi finito, ed io sento dentro un’esplosione di emozioni mai provata prima.

Oggi è la Vigilia di Natale, e anche l’ultimo giorno del mio calendario dell’avvento per freelance. Questo progetto è stato una vera meraviglia. 23 creative, imprenditrici, artigiane e freelance hanno messo a disposizione la propria voce e consigli preziosi per chi desidera avventurarsi nel mondo del lavoro in proprio. L’ultima casellina me la sono tenuta per me perché ho davvero qualcosa da dirvi. Un consiglio che viene dal profondo del mio cuore e che credo sia giusto condividere oggi con voi.

Un anno fa scrivevo questo post. Stravolgevo la mia vita e ricominciavo letteralmente da zero. Credevo davvero di aver perso tutto ciò che contava per me. Non avevo neppure una scrivania, e mi reggevo in piedi solo perché dovevo farlo.

Non ho smesso di lavorare nemmeno un giorno, persino durante il trasloco mi accoccolavo tra uno scatolone e l’altro e rispondevo alle email. Cercavo di tenere in piedi l’unica certezza che avevo costruito: la mia carriera.

Credo sia stato uno dei momenti più duri della mia vita, e allo stesso tempo la sfida più grande che abbia mai vinto. Una mattina, ormai stracolma di dolore e stanchezza, ho preso una decisione, mi sono fatta una promessa.

Avrei lasciato quel dolore scorrere dentro di me per tutto il tempo necessario, ma MAI avrei permesso a quel dolore di allontanarmi anche solo minimamente da quello che era il mio sogno. E da quel giorno, a ripetermi “io realizzerò tutto ciò che desidero” davanti allo specchio del bagno, ogni microscopica cosa che ho realizzato mi ha permesso di fare un passo in più verso quel sogno.

Il 2017 non è andato come l’avevo immaginato, ed ora è il momento del bilancio. Non ho raggiunto il mio obiettivo di fatturato. Non ho raggiunto tutti i clienti che avrei voluto raggiungere, non sono stata costante sul blog, su Youtube, su Instagram. Non ho trovato una casa, non ho trovato uno studio. Non ho registrato il mio marchio. Non ho vinto grandi premi, non ho “fatto il botto”.

Eppure.

Questa parola mi piace davvero.

Eppure la mia vita è cambiata, e sono esattamente dove voglio essere. Nemmeno per un maledetto secondo ho lasciato perdere quel sogno. Ho accolto, accettato e superato ogni imprevisto che ho trovato lungo il percorso. Ho trasformato i cambi di programma in benedizioni, occasioni, opportunità. Anche quando le cose sono diventate difficili per davvero, io quel sogno me lo sono stretto al cuore e l’ho tenuto immobile. Un oggetto delicato e prezioso, che per nessuna ragione si sarebbe infranto tra gli spintoni, le cadute, i terremoti. Quel sogno di cristallo sottile era, ed è ancora oggi, una forma di coraggio.

Eccolo, il mio consiglio.

Non smettete mai di proteggere quel desiderio. Alimentate con ogni particella di voi il dono che avete dentro. Combattete, cadete, radete al suolo ciò che si mette tra voi e il vostro obiettivo. Tirate giù il mondo se necessario. Scenderete a compromessi, attraverserete ondate di dolore. Avrete paura, una paura folle. Magari per qualche minuto, per qualche giorno o mese, resterete paralizzati e vi domanderete “ne vale la pena?”. Sarà difficile, certe volte sembrerà addirittura impossibile. Succederà. Succederà di tutto e voi dovrete essere pronti ma mai, e dico MAI, dovrete mollare la presa. Ciò che desiderate è possibile. Voi siete possibili. 

Lo so, tutto questo potrebbe sembrare una grande banalità. Ma eccola di nuovo, quella parola che mi piace tanto: EPPURE.

Eppure la felicità risiede proprio lì: nella semplicità, nel pensiero positivo, nella determinazione e nella costanza. Ribaltate il vostro punto di vista. Guardate il mondo a testa in giù. 

In questo post non elencherò strumenti utili per diventare freelance. Ciò che ho scritto qui non riguarda solo il mio, il vostro lavoro. Non ho tra le mani il segreto per quella felicità, ma tra le mani ho ciò che ho vissuto, la mia storia, le mie lacrime e le mie rivincite. Ho il mio sogno e ho gli strumenti per realizzarlo.

A gennaio sarò più grande, il 2017 è stato il primo vero gradino verso quel palco, verso quel sogno. 

Vi voglio bene e vi auguro un Natale di sussurri, abbracci avvolgenti, luce.

G.