Mese: Aprile 2015

#ioleggoperché ♡

Cari quattrocchi, un'altra settimana a dir poco sfiancante è passata. Il weekend si avvicina (potrei mettermi a piangere!), ma prima...ancora un piccolo sforzo! Dal titolo avrete intuito il tema di questo post. Lo so, sono in ritardo (come al solito!). Proprio ieri, 23 aprile, era la giornata mondiale del libro. Qualche mese fa, grazie al mio professore di illustrazione dell'Accademia, ho scoperto questa meravigliosa iniziativa: #ioleggoperché. Anche se alla fine sono arrivata in ritardo pure per ritirare i libri, ho deciso di condividere con voi qualcosa per festeggiare.

Quando ero piccola non leggevo molto, ma adoravo ascoltare mamma e papà mentre mi leggevano le favole. A casa amavamo soprattutto le storie di papà, che dopo qualche pagina chiudeva il libro e poi cominciava a raccontare a ruota libera. Le sue erano avventure divertentissime. Nomi buffi, principesse svampite, principi pasticcioni, versioni tragicomiche dell'Orlando Furioso, racconti famosi trasformati e rivisitati fino a farci piangere dal ridere. E anche se ormai io e le mie sorelle conoscevamo quelle storie a memoria, una volta infilato il pigiama volevamo sentirle di nuovo.

Credo sia nata così, quella voglia di sfogliare pagine. Poi c'è stato un periodo di profonda crisi, il liceo, quando i libri dovevo leggerli (credetemi, con la letteratura italiana ho avuto enormi problemi). Con la letteratura inglese le cose andavano diversamente. Dalla terza liceo in poi ho ritrovato l'entusiasmo per le parole, grazie ad una straordinaria professoressa di inglese.

Avete presente L'attimo fuggente? Ecco. Lei per me era il Capitano. Tutte le pagine che scorrevano tra le mie dita erano per me piccole porte su mondi straordinari. Con la letteratura inglese si è aperta davanti a me una vista impareggiabile.

Di libro ne ho anche scritto uno, per affrontare un periodo difficile ed imprigionare tra le pagine le mie paure. Un libro che racconta quella che ero, e che per fortuna non sono più. Magari un giorno vi racconterò anche questa storia. Nel frattempo scrivevo sul mio blog (ormai offline da tempo, ma ancora popolato dai miei personaggi, mi domando cosa stiano facendo ora). Condividevo le mie storie e ogni tanto ricevevo critiche severe, sia sullo stile di scrittura (ora lo definirei 'acerbo') che sui contenuti, a volte troppo forti. Poi il 'periodo buio' è passato.

Leggevo e scrivevo, e mentre lo facevo immaginavo i volti dei personaggi. Questa è sempre stata la costante. All'università le cose sono cambiate ancora. La mia attenzione si è spostata sull'editoria per l'infanzia. Cercavo forme semplici da riprodurre, per potermi 'allenare' nel disegno. Ho cominciato ad immergermi in letture nuove, questa volta dedicate ai piccoli. Così mi sono innamorata di Oliver Jeffers e di altri autori che sapevano raccontare grandi storie con poche parole e disegni semplici, pieni di poesia. Di libri ne ho scritti altri tre, stavolta per bambini (ve li ricordate? Si tratta della collana 'Taddeo e la lente magica')

Per farla breve le storie, di qualsiasi tipo, sono sempre state parte della mia vita, delineando tratti del mio carattere e periodi della mia vita molto diversi tra loro.

Quando mi sono trasferita a Roma ho ritrovato quel tempo che non avevo più da qualche anno, per potermi accoccolare sul divano e dedicarmi ai miei libri. Per leggerli, per scriverli. Non mi sono mai identificata con l'immagine della scrittrice, non bastano un'ottima agente e una casa editrice per diventarlo. Scrittori, forse, si nasce. Io, semplicemente, amo leggere e raccontare storie.

Da quando sono qui ho letto tanto...e ho anche ricominciato a scrivere. Oggi per festeggiare questo amore ritrovato ho fatto una passeggiata fino alla mia libreria preferita del quartiere, a caccia di nuove storie. L'altracittà non è solo una libreria, ma un luogo di incontro per corsi, attività ludicocreative, iniziative letterarie, teatrali e musicali, letture ad alta voce e attività per bambini. Uno spazio accogliente che offre stimoli, sollecita la fantasia e l'immaginazione, e apre nuovi orizzonti culturali. Un'isola felice da visitare quando le parole sembrano esaurite.

Per concludere...

#ioleggoperché amo quella vista che mi si apre davanti agli occhi ad ogni nuova storia. Sconosciuta, emozionante e del tutto inaspettata.

Oggi quindi vi lascio con questi miei pensieri, e con un regalino per tenere traccia delle vostre letture. Potete scaricare il vostro segnalibro e la lista da compilare con i titoli dei vostri libri qui!

Vi va di raccontarmi il vostro perché? Sono curiosa di leggerlo e di conoscere i vostri libri preferiti ♡

Ci vediamo settimana prossima con un nuovo racconto!


Pulizie di primavera alla Factory ♡

Ultimamente sono sempre in ritardo, sarà la primavera? Per tirarmi giù dal letto ci vogliono 3 sveglie, due spremute e qualcuno che sbatta la porta uscendo di casa come nelle peggiori tragedie cinematografiche. Per questo il post di oggi (che doveva essere il post di venerdì) è rimasto nelle bozze tutto il weekend - e sicuramente si è riposato più di me. Dopo aver ingurgitato litri di acqua e Polase ho finalmente ritrovato la forza di cliccare sul tasto 'pubblica', ed eccomi qui!

Per me primavera non significa solo estrema lentezza/stanchezza, ma significa anche...pulizie, pianificazione ed organizzazione! Per questo ho dedicato qualche ora a sistemare la libreria. Era già qui quando sono arrivata e a quanto pare prima di me qualcuno studiava legge, perché a giudicare dall'incurvatura delle mensole dovevano esserci almeno 50 kg di libri! Io, invece, ho optato per le cose indispensabili al lavoro di queste settimane, sistemando tutto nelle bellissime scatole di SelfPackaging ♡

1 DSC04656 DSC04658 DSC04664

Per organizzare la mia mini libreria ho utilizzato due varianti della scatola per cupcake (e ho aggiunto un divisorio per ripiano da cucina Ikea e una bellissima bustina colorata di Tiger per l'agenda ed i fogli volanti) :) Che ne dite, vi piace il risultato? Avete qualche consiglio per organizzare meglio la libreria, o magari avete qualche consiglio sulla prossima che acquisterò (spero presto!)?

at_work

Un abbraccio a tutti e buona settimana! ♡


Maialini e outfit maturi ♡

L'avete già vista su Instagram e finalmente posso mostrarvela in tutta la sua bellezza! Il pezzo forte di questo nuovo outfit è...la borsa ricoperta di maialini! Yeeeh! Alcune di voi mi hanno chiesto dove trovare questo irrinunciabile accessorio da vera fashion blogger (...). Io l'avevo acquistato anni fa da Love Therapy a Milano (a proposito, c'è ancora?), ma trovando una stoffa con un pattern simile le esperte di handmade sapranno sicuramente riprodurre questa adorabile borsa :)

Lo sapete, prendo il mio armadio poco sul serio, e ho una dipendenza da disegnini carini, quindi ora che la primavera è finalmente arrivata posso sbizzarrirmi con colori pastello, fantasie molto mature e accessori degni di una quattrocchi in terza elementare.

La primavera è in assoluto la mia stagione preferita, anche perché prevede il cambio dell'armadio (al momento il mio sta per implodere, visto che ha le dimensioni di un armadietto di Barbie). Non potrò quindi concedermi il tanto atteso shopping primaverile, in compenso nella mia libreria ho il meraviglioso libro di Gaia Segattini, che propone idee di riciclo creativo e restyling davvero bellissime. Per il momento ho radunato i capi da 'rinfrescare' e raccolto i materiali necessari, e spero di riuscire a trovare un momento tranquillo per mettermi al lavoro (e continuare a colonizzare il mondo con montagne di pompom fatti a mano)! E a proposito di vestiti e riciclo creativo, il 25 aprile parteciperò al workshop di Rammendo decorativo su jeans a Roma (alle Officine Roma Makers) proprio con Gaia e Anna Maltz! Chi viene con noi a fare un po' di casino?  ♡

piggy

collage-2

♡ Ed ecco qui la consueta lista di cose simili e carine per ricreare questo serissimo outfit ♡

ballerine / 'Rinnova il tuo guardaroba' collana / portamonete / blusa

collage


Aggiornamenti di primavera ♡

Cari quattrocchi, questo post davvero ci voleva! Sono stata un po' assente nelle ultime settimane, lo so, ma per ottime ragioni! Quindi oggi torno sul blog per raccontarvi cosa ho combinato in questo ultimo periodo a dir poco INCREDIBILE. Spero di non trasformare questo post in una lista della spesa, ma di riuscire a ripercorrere con voi questi nuovi traguardi e le ultime bellissime settimane :)

1. Ho frequentato la Story & Character Masterclass Pixar con Matthew Luhn e Valerie LaPointe

pixar

Come faccio a descrivervi la felicità e la meraviglia di questi due giorni? Mi sono iscritta a questo corso intensivo dedicato a storytelling e character design, con due docenti d'eccezione: Matthew Luhn, Pixar story supervisor e sua moglie Valerie LaPointe, Pixar story artist. Abbiamo parlato di come nasce una storia, di come si presenta una storia e di come creare personaggi che funzionano.  Penso di non aver mai provato un'emozione così grande, in due giorni ho imparato davvero tanto e sono tornata a casa più carica che mai, pronta per lavorare a nuove storie :) Sentir parlare qualcuno che lavora nel paradiso che ho sempre sognato è stata l'esperienza più preziosa degli ultimi anni. Qui trovate la descrizione del corso. Se l'idea vi piace potrei dedicare un post per approfondire gli argomenti trattati durante il corso, che ne dite?

2. Yun Creative Labs (Giulia Scifoni) è passata da me per realizzare una serie di scatti meravigliosi

20150326_0029

Giulia è una cara amica e una bravissima creativa :) In pochi scatti è riuscita a cogliere lo spirito della mia Factory e a raccontare il mio lavoro in un modo del tutto speciale. Presto vi mostrerò tutti gli scatti e vi racconterò qualcosa di più sul suo lavoro e su questo piccolo shooting!

3. Marino Festuccia ha visitato la mia Factory e abbiamo girato un video per raccontare A Little Market

Come sapete da qualche mese collaboro con ALM come rappresentante regionale per il Lazio e quando Cristina mi ha proposto di girare questo video sono impazzita dalla gioia! Ci siamo divertiti moltissimo, e per la prima volta (attenzione, attenzione!) una professionista mi ha truccata (grazie Lucrezia!). Insomma, non dovrei sembrare un fantasma in questo bellissimo video e non vedo l'ora di mostrarvi il risultato e di raccontarvi il backstage :) Un grazie speciale a tutto il team: Monica di ALM, Marino, Lucrezia e Sonia (che mi hanno vista in pigiama, mentre spremevo kili di arance e mentre scoppiavo a ridere parlando davanti alla videocamera).

4. Ho collaborato con It's a Matter of Kids e Teo Boutique al progetto 'Fatto a mano' come art director (qui vi raccontavo tutto quanto!)

cover_facebook

Adoro tutto quel che riguarda il panorama kids e da quasi 3 anni la mia attività di character e graphic designer si svolge prevalentemente in questo ambito. Ancora una volta ho avuto la conferma che questa è la strada giusta e continuo a percorrerla con la stessa passione e curiosità che avevo appena uscita dall'Accademia :)

5. La mia meravigliosa mamma è venuta a trovarmi a Roma!

Che notiziona eh! Ogni tanto anche io vi racconto 'gli affari miei', quelli veri :) Vivo a Roma da quasi 9 mesi, ma la mia super mamma non era ancora riuscita a venire a trovarmi. Finalmente ce l'abbiamo fatta! Abbiamo trascorso 4 giorni bellissimi. Di solito lavoro da casa e il tempo per visitare la città è poco, così ne abbiamo approfittato per fare qualche giretto per Roma e ho scoperto nuovi angoli bellissimi della città. Ci voleva proprio qualche giorno di 'vacanza'!

E voi avete novità? Raccontatemi cosa avete combinato nelle ultime settimane e se avete qualche consiglio su Roma lo leggerò volentieri, non si finisce mai di esplorare ♡

Un abbraccio a tutti e ci vediamo al prossimo post!