Mese: Ottobre 2014

This is Halloween! ♡

Il mese di ottobre è sempre ricco di progetti e sorprese e alla Factory continuano i preparativi per Halloween! Oggi vi presento un nuovo arrivato...Jack! La collaborazione con Faccio e Disfo continua, e non potevamo davvero resistere alla tentazione di ricreare uno dei personaggi più amati di sempre, Jack Skellington. Rita ha preparato una delle sue meravigliose myselfie (vi ricordate l'adorabile Audrey?) e io ho preparato uno dei miei quadretti :) Dal momento che sono un'inguaribile romantica ho anche lavorato alla versione 'in love' di Jack e Sally, spero vi piaccia! Continuate a seguirci, domani arriva una sorpresa ♡

2 3


Halloween alla Factory ♡

Buongiorno quattrocchi! Non stavo più nella pelle, ormai mi conoscete! Come sempre ad Halloween la Factory si riempie di zucche, candele profumate, dolcetti e nuovi personaggi, YEH! Questa volta il tempo a disposizione era davvero poco, così ho pensato di condividere con voi un micro-progetto, il secondo dedicato al packaging ♡ Una scatola e un character, per festeggiare insieme la notte più spaventosa dell'anno! Oggi vi presento la mia Ali e una piccola scatola di SelfPackaging per impacchettare i vostri muffin! Leggete fino alla fine, troverete una piccola sorpresa, buona lettura :)

 

Questa è Ali: passa le sue giornate ad ascoltare musica e a disegnare. Adora il colore verde, ha un gattino nero di nome Daisy e indossa sempre un cappellino. La sua materia preferita è scienze e le piace dare nomi buffi agli insetti. Dietro al suo atteggiamento spavaldo e birichino si nasconde un cuore di panna: per Halloween regalerà dei dolcetti fatti in casa al suo fidanzato! 

ali

InstagramCapture_0cecbf96-1801-41ed-a36f-12841f5d84d8 InstagramCapture_0399a11b-db48-4897-a66c-7ac1b0fb7a9c InstagramCapture_c8786bee-b283-456f-9a71-e12167b527d4 InstagramCapture_fae7c734-f589-414b-8292-87670600082f InstagramCapture_fd2d9769-409b-45c1-9b66-56625f6d7c5e

Per questo progetto Ali ha utilizzato:

Ed eccoci arrivati alla sorpresa! La Factory ha preparato per voi dei printables per Halloween, potete scaricarli gratuitamente cliccando sull'immagine qui sotto! Usateli per decorare i vostri cupcake, come segnaposto, o per personalizzare bigliettini e pacchetti regalo :)

Un abbraccio dalla vostra quattrocchi ♡

printables


Quattrocchi arrabbiate ♡

Oggi torno su The Factory Diaries con un tono ed un argomento un po' diversi dal solito. L'esordio sarà secco. Freelance non vuol dire idiota.

Da due anni porto avanti il mio lavoro con lo stesso entusiasmo del primo giorno.

Intraprendendo questa strada ero assolutamente consapevole dei rischi, delle fatiche e delle sfide che avrei dovuto affrontare.

Allo stesso tempo tutti i difetti del lavorare da libera professionista sono passati in secondo piano rispetto ai successi, l'emozione di veder nascere progetti speciali e la gentilezza incredibile della maggior parte dei miei collaboratori, clienti ed amici.

Oggi ho letto questo articolo su C+B (la mia bibbia!). Mi sono preparata una tazza di tè e mi sono seduta alla mia nuova scrivania per fare un bilancio degli ultimi 12 mesi. La lista delle cose positive supera di gran lunga la lista delle cose negative, e ne sono davvero felice.

Il bilancio è stato meno disastroso del previsto ma non basta per farmi passare l'amaro in bocca dopo un risveglio abbastanza irritante.

Non sono l'unica ad avere a che fare con clienti complicati (talvolta quasi esasperanti!), e difficilmente me ne lamento perché sono una persona estremamente paziente e comprensiva. Oggi però le cose sono diverse, oggi mi lamento per tutte quelle volte che non l'ho mai fatto.

Signori e signore, ecco il decalogo delle cose che non dovete fare se volete che la quattrocchi non si arrabbi!  Eh sì, perché anche le quattrocchi ogni tanto si arrabbiano. Ecco perché:

1. Se l'oggetto della vostra email è scritto tutto in maiuscolo e compare almeno una volta il termine 'URGENTE' sappiate che state mettendo a dura prova il mio equilibrio psico-fisico. SE POI TUTTO IL TESTO DELL'EMAIL CONTINUA CON IL MAIUSCOLO ATTIVATO…disattivatelo. Ve ne sarò eternamente grata.

2. Non disprezzo chi mi scrive un 'Cara Giulia, scusa se…' prima di continuare con 'devi farlo adesso per stasera'. Di venerdì sera. Alle 20.00. Se poi proprio ve la sentite, potete anche aggiungere un grazie all'ultima riga. Sì agli smile da ruffiani, sì a una gif con gattino che mi ringrazia, no al messaggio su whatsapp per dirmi che mi avete spedito un'email (senza gattino che ringrazia).

3. Non sono obbligata a regalarvi il mio tempo. Apprezzo molto chi mi segnala le proprie pagine e il proprio lavoro, soprattutto se questo tipo di pubblicità e scambio di interesse rispetta le basi della buona educazione e viene fatto in modo intelligente. Inviarmi 5 link via email chiedendomi un like senza salutarmi o presentarvi non farà della vostra pagina una pagina di mio interesse.

4. Anche io ho una pausa pranzo, ebbene sì! Di tanto in tanto mi capita di mangiare, se tutto va bene dalle 13 alle 14, perché sono una persona abitudinaria. Allo stesso modo mi capita (qualche volta!) di andare a dormire. Se non vi rispondo alle 23 e non vi ridimensiono l'header - entro le 23.55 - 'perché penso sia meglio dare il buongiorno ai miei followers domattina all'alba che poi vanno tutti a scuola/lavoro' cercate di capire. Non dovete farlo per forza, ma almeno provateci.

5. Le mie illustrazioni non sono souvenir. Se passate sul sito della Factory o sul mio blog e vi piace qualcosa, non potete prenderlo come si fa con un fiore di campo a Valtournenche e farne ciò che volete. Se poi pubblicate su Instagram la foto dell'illustrazione che avete stampato ed incorniciato e mi taggate, sappiate che lo state facendo nel modo sbagliato. Se pubblicate su Instagram la foto dell'illustrazione che avete stampato, incorniciato, impacchettato e regalato alla vostra amica che si è appena laureata - e non mi taggate - la mia ira si abbatterà su di voi senza pietà. (Ebbene sì, cose che sono capitate).

6. Se vi chiedo i dati per l'intestazione di un preventivo (vi rassicuro pubblicamente) non entrerò di soppiatto in casa vostra per rubare la collezione di cigni di cristallo sul camino. Non indosserò una mascherina/tutina nera cercando di hackerare il vostro conto in banca. Non vi farò lo scherzo del secolo ordinando 400 pizze da recapitare al vostro indirizzo. Non rapirò il vostro gatto e non copierò la disposizione delle assi di legno del vostro parquet per fare foto su Instagram più fighe delle vostre. Inviatemi serenamente i dati che vi chiedo e presto sarà tutto finito. Promesso!

7. A proposito di preventivi, su quelli che preparo ci sono delle scadenze, di solito più che ragionevoli. Se ho consegnato il lavoro ad agosto e voi l'avete gioiosamente confermato e tornate da me ad ottobre per fare delle modifiche 'perché mi sono reso conto che boh, non mi convince troppo, mia suocera dice che è troppo verde' sicuramente dovrò prepararvi un nuovo preventivo. Se riuscite a stupirvi per questo insegnatemi come si fa, perché non saprei davvero da dove cominciare. Dite a vostra suocera che se per lei 'è troppo verde' possiamo farlo rosso o del colore che le piace di più per 80,00 €. Per 50,00 € se la sua parmigiana è più buona di quella che prepara mia madre.

8. Adoro collaborare con altri creativi, anche se la parola collaborazione ultimamente è leggermente inflazionata. Cerchiamo di fare chiarezza: se mi chiedete di illustrare una vostra storia per regalarla a vostro nipote (for free) non è una collaborazione. Se mi chiedete di preparare un quadro per la vostra cucina (for free) promettendomi visibilità perché 'ma sai quanta gente passa nella mia cucina? Faccio delle torte che guarda…' non è una collaborazione. Se mi chiedete di realizzare loghi, illustrazioni, volantini, e chi più ne ha più ne metta, per la vostra attività promettendomi un cesto regalo con i vostri prodotti…non è una collaborazione (a meno che voi non siate Disney Pixar, Nutella, Tiffany oppure Paperchase -sì, ci sono cose per cui vale la pena abbandonare i propri ideali-).

9. Se vi volete bene non scrivetemi che vorreste lo sconto del 70% perché 'capirai, alla fine anche tu Juice for Breakfast lo fai per passione, sai quanto è difficile avviare un'attività!'. Ecco, appunto. Vi suggerirò cordialmente di aprire il vostro shop su Etsy con tutti i vostri prodotti scontati del 70%. Anche quelli che vi sono costati due mesi di lavoro. Capirai, alla fine chiuderete baracca nel giro di una settimana!

10. Ed eccoci arrivati alla fine (ora mi sento molto meglio!) Quando ci incontreremo, se accadrà, sorriderò e mi presenterò. Quando sentirete la parola 'freelance' abbiate pietà di me ed evitate una o tutte le reazioni elencate di seguito:

a) Ah, capito. Ma quindi che lavoro fai?
b) Ah, capito. Non pensi mai di fare un lavoro vero? (true story)
c) Sì che poi ora sono tutti freelance, ma potete anche dirlo che non c'è lavoro, siamo in un momento di crisi eh! Poi voi giovani sapete inventarvi di tutto però non è che così si risolve…(blablabla sproloquio senza fine sulla crisi).
d) Ah, mi dispiace.
e) Vabeh dai, andrà meglio tra qualche anno!
f) Ah.

Ecco fatto. Ho davvero scritto tutto. Il mio tè è finito, la tensione sparita. Certe volte capita di doversi sfogare. Ovviamente ogni riferimento a cose/fatti/persone in questo post è puramente casuale (…), e vi chiedo di prendere le mie parole con un sorriso :)

Proprio il sorriso è l'arma migliore per affrontare queste giornate che cominciano con email antipatiche, senza buongiorno. Questa settimana finisce così, con un super sorriso per quello che è stato e che sarà, sperando di aver fatto sorridere anche voi…almeno un pochino.

Un abbraccio dalla vostra quattrocchi (che ora non è più arrabbiata ♡)